COTRONEInforma

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Cinema e spettacolo
Cinema

A teatro...

Teatro



"Omnia sunt communia"

COTRONEInforma n.123


Disponibile in Pdf

 

Resta sempre aggiornato

su notizie, eventi e cinema...

iscriviti alla nostra

newsletter...

***

 

Lascia un messaggio nel

nostro libro ospiti...Occhiolino

***

 

Inseriti nella sezione galleria

nuovi video riguardanti la

redazione...

***

Maria Carmela Lanzetta, Ministro degli Affari… Privati

E-mail Stampa PDF

IL GOVERNO IMPUGNA LA LEGGE DELLA REGIONE LAZIO

Non possiamo che accogliere con sdegno la decisione del Governo Renzi di impugnare la legge regionale del Lazio, “Tutela, governo e gestione pubblica delle acque” d’iniziativa consiliare e popolare perché, a dire dei nostri Ministri, numerose disposizioni previste all’interno di questa legge contrastano con le regole riservate alla legislazione statale in materia di tutela della concorrenza, dell’ambiente e dell’ordinamento civile. È evidente come quel 41% conseguito alle recenti elezioni europee abbia spazzato le ultime, esigue remore e impresso un’accelerazione verso quelle politiche liberiste fatte di maggiore austerity e privatizzazioni.

 

Pugliano farebbe meglio a tacere. Invece di battere cassa, obblighi i Comuni alla differenziata

E-mail Stampa PDF

Nella giornata di ieri, mercoledì 28 maggio, si è tenuto un nuovo incontro dei comitati calabresi che si oppongono all’attuale modello dissennato di gestione dei rifiuti in Calabria e che, dopo la splendida manifestazione regionale che si è tenuta il 10 maggio a Cosenza, stanno mettendo in cantiere ulteriori iniziative.

L’assemblea non ha potuto però esimersi dal commentare le recenti affermazioni dell’assessore Pugliano che ha prefigurato l’ennesima emergenza rifiuti, nel caso in cui i Comuni non paghino le spettanze regionali, e minacciato il commissariamento per i morosi. Anche se ci sarebbe da discutere, e parecchio, sulla qualità del servizio corrisposto, le perplessità non derivano da una generica difesa delle amministrazioni comunali.

La Politica ed il PD di Reggio Emilia di Dario Vincenzo Grassi

E-mail Stampa PDF

Io ho visto degli orrori, orrori che ha visto anche lei, ma non ha il diritto di chiamarmi assassino. Ha il diritto di uccidermi, ha il diritto di fare questo, ma non ha il diritto di giudicarmi. È impossibile trovare le parole… per descrivere, ciò che è necessario, a coloro che non sanno ciò che significa l’orrore. L’orrore ha un volto, e bisogna farsi amico l’orrore. Orrore e terrore morale sono i tuoi amici, ma se non lo sono, essi sono dei nemici da temere, sono dei veri nemici. Ricordo quando ero nelle forze speciali, sembra migliaia di secoli fa, andammo in un campo, per vaccinare dei bambini, lasciammo il campo dopo aver vaccinato i bambini contro la polio. Più tardi venne un vecchio correndo a richiamarci, piangeva, era cieco, tornammo al campo. Erano venuti i vietcong e avevano tagliato ogni braccio vaccinato. Monologo del colonnello Kurtz, in Apocalypse Now, diretto da Francis Ford Coppola, 1979

La linea verticale di “Scandale in Emilia”

E-mail Stampa PDF

Luogo degli accadimenti: Reggio Emilia. Parlare in prima persona talvolta può essere interpretato come lo scorrimento di vicende personali o dare allo scritto un senso autobiografico, ma in questo caso la premessa invece è d’obbligo per esporre le immagini di chi ha conosciuto le diverse realtà che oggi mi accingo a confrontare. “Vivo” e sopravvivo alla realtà di questa città fin dal lontano 1977 quando da studente venivo qui a racimolare nel campo dell’edilizia e nei due mesi estivi, il fabbisogno sufficiente a garantirmi autonomia economica per una buona parte dell’anno da studente quale ero a Crotone. Dopo un salto di circa 10 anni, dal 1990 è diventata invece la residenza definitiva del mio nucleo familiare che dopo le scontate ed iniziali difficoltà oggettive di “ambientamento” sociale e culturale, ha radicato e tessuto le varie relazioni nell’ambito lavorativo, affettivo e sociale con risultati che riteniamo più che decorosi.

MANIFESTO “Villa Comunale di Crotone: Porte aperte sui beni comuni”

E-mail Stampa PDF

La Villa comunale unendo in un tutt’uno via Regina Margherita e le mura del castello Carlo V, costituisce un bene comune primario, una vera e propria area protetta dal cuore e dalla memoria della comunità crotonese, che oltre a perimetrare la parte più antica della città affacciandola sul mare, ne custodisce immagini e sogni. Partendo dalla Villa Comunale intendiamo promuovere una nuova pagina di impegno civico, aperto alla partecipazione dei cittadini, da sviluppare intorno ai beni comuni, al patrimonio pubblico e al capitale territoriale materiale e immateriale, per sostenerne la valorizzazione e per determinare il miglioramento della qualità della vita e delle relazioni nella nostra comunità.

Le non soluzioni della Regione, il 10 maggio scade la deroga e i comitati scendono in piazza

E-mail Stampa PDF

COMUNICATO STAMPA

Il 10 maggio la Calabria potrà prendere una duplice boccata d’aria. E’ il giorno scelto dai comitati ambientali calabresi per manifestare nelle strade di Cosenza il loro dissenso alle politiche regionali in materia di rifiuti, e rappresenta anche la data di scadenza dell’ordinanza di Scopelliti che autorizza lo sversamento del “tal quale” direttamente nelle sature discariche regionali.

L’avvicinarsi della scadenza di questa deroga, che più volte Giunta e Dipartimento hanno dichiarato di non voler prorogare, sta però facendo andare in agitazione il personale degli stessi uffici; particolarmente attivo in queste ore, pare non sappia più che pesci prendere. Cosa devono aspettarsi i calabresi? Nulla di nuovo, le solite grottesche soluzioni tampone, come dimostrano i flop degli ultimi tempi in cui il bando per la gara d’appalto per il trattamento fuori regione dei rifiuti di fatto è stato annullato perché una delle società che facevano parte dell’associazione temporanea di imprese, unica partecipante al bando, non aveva l’iscrizione alla Camera di Commercio.

Il Comune di Cotronei diffida Soakro dall’aumento delle tariffe

E-mail Stampa PDF

COMUNICATO STAMPA

Il Comune di Cotronei diffida Soakro dall’aumento delle tariffe

Il sindaco di Cotronei, Nicola Belcastro, diffida formalmente Soakro dall’adottare aumenti delle tariffe del sistema idrico integrato. E nello stesso tempo comunica alla società la volontà di “recedere dal rapporto gestionale con Soakro, per riportare al più presto la gestione del servizio idrico integrato all’interno dell’Ente comunale, considerata l’inadeguatezza dei servizi erogati e le lacune ed omissioni nel rapporto con gli enti e con i soci”.

Pagina 4 di 92

You are here Home