COTRONEInforma

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Cinema e spettacolo
Cinema

A teatro...

Teatro



"Omnia sunt communia"

COTRONEInforma n.123


Disponibile in Pdf

 

Resta sempre aggiornato

su notizie, eventi e cinema...

iscriviti alla nostra

newsletter...

***

 

Lascia un messaggio nel

nostro libro ospiti...Occhiolino

***

 

Inseriti nella sezione galleria

nuovi video riguardanti la

redazione...

***

Nei “Baulli” di Horatio Sersale

E-mail Stampa PDF

Il 26 aprile 1634 in Cotronei, alla presenza del notaio Gio : Battista Guidacciro di Policastro, del giudice Paulo Maurello di Policastro e di alcuni testi di Cotronei e Pietrafitta, si costituiva il Sig.r capitano Fran.co Valasco, procuratore generale dell’Ill.mo Signor Marchese di Sangiuliano, balio e tutore del Sig.r D. Horatio Sersale Conte della città di Belcastro, Barone “delli Cotronei”, Carfizzi, Sellia e Zagarise.
Dall’altra parte si costituiva il Signor Angilo Mollo della città di Cosenza che nei confronti del Sersale, vantava un credito relativo all’annuo censo di ducati 144, per il prestito di un capitale di ducati 1600 alla ragione del 9 %. In merito a ciò, con lettera spedita da Napoli il 14 febbraio1634, il Marchese aveva ordinato al capitano Valasco, di pagare ad Angilo Mollo ducati 500, consegnandogli alcuni beni mobili che si trovavano in “los Cotroneos”, nel “palazzo baronale nelle Camare dove si Conservano li mobili del Signor donno Horatio”, provvedendo attraverso Salvatore Virga e Gio : And.a Grastello che detenevano le chiavi delle dette camere e dei “baulli”. Questi mobili furono apprezzati dai mastri policastresi Marco Ant.o Caccurio e Gio : Dom.co Falcune e da mastro Gio : Ant.o de Martino della città di Cosenza “mastri sartori, et prattichi”, con l’aiuto di donna Jacova Virga e Lucretia Gangale “donne prattiche” del “Casale” di Cotronei, tutti eletti di comune accordo dalle parti, cosi come mastro Gio : Battista Lia “mastro tornaro, et Carpentiero” che ebbe il compito di apprezzare due “travacche”.

(f. 81v)
Baullo n. 10
Uno paviglione di tela usato con Riticelle bianche, et frangie di
Canne n.o tridici alla Ragione di Carlini quatro la canna fan
no la sonma di docati Cinque, et un tari                             d. 5.1.0
le frangie attorno di filo al detto spolveri di canne cinque aprez
zate a grana quattro la canna                                     d. 0.1.0
lo lavore di detto spolveri dentro le lense arriticelle Canne 25
a ragione di tre cinquine la canna fanno la somma                         d. 1.3.15
Uno spolveri usato, et rotto di tila bianca aprezzato per docati Cinque             d. 5.0.0
Uno paro di lenzola di Canne nove, et meza a ragione di Carlini cinque
et mezo la canna                                         d. 5.1.5 ½
Uno spolveri di filo jndente, lavorato con Cappelletto con Zagarelle tur
chine aprezzato per docati quattordici pezzi numero tre uni
to lo Cappelletto                                         d. 14

Baullo n. p.o
Le rizze Gialle, et bianche di seta lavorate di undici palmi, et mezo

(f. 82)
a raggione di Carlini dudici la canna                             d. 1.2.10
Et più palmi sette larga a raggione di Carlini quindici la canna                 d. 1.1.10
Et più rizza longa palmi dieci a Carlini dudici la canna lavorata
di bianco, et Giallo, et paunazzo                                 d. 1.1.0
Una canna di Rizza bianca larga aprezzata Carlini                         d. 1.1.0
Uno paro di Coscini lavorati di tila di olanda con Rizza gialla et bianca
aprezzata docati quatro                                     d. 4.0.0
Una tovaglia di olanda lavorata di varij Colori aprezzata                     d. 5.0.0
Uno paro di Coscini di olanda lavorati di seta nigra aprezzati per Car
lini trenta Cinque                                         d. 3.2.10
Uno altro paro di Coscini piccoli lavorati di seta nigra per carlini
otto aprezzati                                             d. 0.4.0
Una tovaglia di tila di Cava aprezzata Carlini dudici                     d. 1.1.0
Una tovaglia lavorata di sita nigra aprezzata                         d. 1
Uno paro di Coscini di tela accattatizza di filo bianco per Carlini dudici             d. 1.1.0
Una tovaglia di olanda con Rizza bianca lavorata di filo bianco                 d. 1.2.10
Uno paro di Coscini con Rizza aprezzata Carlini otto                     d. 0.4.0
Uno lenzolo di tila di olanda lavorata di seta nigra di Canne Cinque
et un braccio aprezzata docati otto                                 d. 8

Baullo n.o 25
Una tovaglia di tavola per Carlini Cinque                             d. 0.2.10
Due tile vecchie di matarazzo                                d. 0. …
Uno lenzolo di tila alli dudici con Rizza arriticella p(er) Car.ni                 d. 2.0.0
Una Canmisa di tila alli diece usata                                 d. 1.0.0
Una tovaglia di armosino usata con pizzilli di oro attorno estimata             d. 1.2.10
Uno paro di Calsette di sita a color di Capillo usati                         d. 0.4.0

(f. 82v)
Uno Cappello di figliolo di tabi scambiante foderato di teletta di sita
per doCati tre                                             d. 3
Uno paro di ligazze à rose Nigre usate                             d. 0.2.0
Due stuijavucche usate                                     d. 0.2.0
Una tovaglia usata                                         d. 0.2.0
Due tovaglie di tavola usate                                      d. 1.3.0

Baullo n. 3.o
Uno spolveri di Capisciola giallo adorato con frangie verde, et Giallo
usato di Canne vintisette meno un palmo à ragione di Carlini sette
la canna sono docati dieceotto, et Carlini nove                         d. 18.4.0
la frangia dell’istesso spolveri verde, et Giallo fu aprezzata in docati
otto, et grana diece                                         d. 8.0.10
Una Cortina di travaccola di figliolo verde consistente jn tre pezzi di
capisciola di Canne undici, et meza aprezzata a Carlini diece
la canna                                             d. 11.2.10
le frangie della istessa Cortina, et jnforra del Cielo di detta Cor
tina di tela cilendrata tutta insieme Carlini quindici                         d. 1.2.10

Baullo n.o 2.o Venduto Con dette Robbe
Uno spolveri lavorato di seta nigra Cioè lense aprezzato tutto insieme d.ti Trenta     d. 30
Due messali di tavola longhe di Canne sette meno dui palmi aprezzate
a carlini quindici la canna                                     d. 10.0.15
Sette Canne di tovaglie frandinise alla domaschina jntocco aprezzate
a docati Cinque, et Carlini la canna                                 d. 40
Una tovaglia di faccie con Rizza aprezzata per Carlini                    d. 1
Una tovaglia di faccie Sempia a piparello                             d. 0.1.10
Due tovaglie di pane aprezzata Carlini diece                         d. 1.0.0

Di uno Cascione grande n. 63
Una travacca aprezzata per docati vinticinque                         d. 25
Una altra travacca usata adorata aprezzata

(f. 83)
in docati quindici tutte due senza testera                             d. 15

Uno scrigno di nuce grande n. 39
Uno spolveri di tila della Cava di Canne sidici alla Ragione di Carlini otto la can
na sono docati dudici, et tari quattro                                 d. 12.4.0
le frangie seu lenze di detto spolveri lavorate di seta Carmosina Canne
trenta due, et palmi tre aprezzate a Carlini diece la canna                     d. 32.3.15
Tela di Capisciola Gialla a scaccarello Canne sei, et mezo a ragione di Carlini
cinque, et mezo la canna                                     d. 3.2.17 ½
Uno lenzolo di tila di vanbace di Canne tre, et Carlini quattro la canna             d. 1.0.0
Uno Coscino vecchio di velluto nigro aprezzato un docato                     d. 1.0.0
Due Canne di lenze di maijuto                                 d. 0.1.10
Uno altro lenzolo di tila di lino alli otto di Canna quattro meno due braccia
Sempia a carlini tre la canna aprezzato                             d. 1.0.12 ½
Uno lenzolo di tela alli diece di lino di Canne quattro meno dui palmi
a carlini cinque la canna                                     d. 1.4.7 ½
li maroccoli seu lense aprezzate                                 d. 0.1.10
Una faccia di matarazzo di Canne due a ragione di Carlini sei la canna             d. 1.1.0
Una seggia di Vacchetta nigra guarnita di velluto jn parte foderata
di tela Cilendrata le dette Cortine di vacchetta aprezzate docati quat
tordici usata Con le sue banderole di damasco nigro                     d. 14

Dello Casciune grande n.o 8
Matarazza otto stracciati, et vecchi estimati tutti jnsieme per essere vecchi         d. 25
Due seggie di velluto verde con frangie di oro, et seta verde Coverite di
tela di sangallo aprezzate per ducati                                 d. 10
Una Coverta bianca vecchia aprezzata                            d. 1.0.0
Una Cultra vecchia aprezzata                                 d. 2.0.0
Una Coverta vecchia a coppe con frangie aprezzata                     d. 2.2.10
Una Cultra russa, et turchina usata aprezzata                         d. 3.2.10

(f. 83v)
Una altra Cultra turchina usata aprezzata                             d. 3.2.10
Uno spolveri bianco sempio di vanbace guttellarico Con Cappelletto
di Canne vinti otto a cinque, et mezo, et mezo la canna                     d. 15.2.0
Uno spolveri Con Cappelletto di Canne vinti sei verde sempio di
Cocullo Con frangie inansi, et il Cappelletto con frangie a ra
gine di Carlini sei, et una Cinquina la canna usato                         d. 16
Tre vancali di lana di pane a Carlini sette lano tanto prezzati                 d. 2.0.0
Dui tappiti di tavola aprezzati vecchi pertosati                         d. 3.0.0
Uno panno di Cocullo russo Con frangie usato aprezzato                     d. 0.4.10
Uno spolveri di frandina tutta lana paunazzo di Canne dicen
nove, et palmi dui vecchio a Carlini  quattro la Canna aprezzato                 d. 7.3.10

Baulo n.o 17 quale sie venduto con l’istessa robba, at chiave
Una Cortina di filondente lavorato bianco di Canne vintiquat
tro, et palmi sei aprezzato alla Ragione di Carlini nove la can
na con tutta la frangia attorno                                 d. 21.3.15

N.o p.o
Dui bauli di Corio russo estimati per docati sei usati vecchi                 d. 6

N.o sei
Tre Canne, et meza di tela di cava aprezzata a Car.ni otto la canna             d. 2.4.0
Uno lenzolo di tela alli undici di lino di Canne Cinque meno uno
braccio à Carlini Cinque, et mezo la canna                             d. 2.3.0

Uno baullo di pelle di pelo russo n.o 11 venduto
di palmi tre di longhezza
Una Canna, et palmi sei di filo jndente a carlini otto la canna                 d. 1.1.0
Una tovaglia di taffitta turchina con Rizze bianche di palmi cin
que, et mezo Con le rizze bianche, et turchine aprezzata a ragione
di Carlini diece                                         d. 1

(f. 84)
Uno mandile lavorato di filo bianco aprezzato                         d. 1.0.0
Uno mandile lavorato di filo bianco aprezzato                         d. 0.3.10
Uno altro mandile lavorato di filo bianco aprezzato                     d. 0.3.0
Uno altro mandile                                         d. 0.3.0
Uno altro mandile lavorato di filo                                 d. 0.4.10
Uno altro mandile lavorato di filo bianco aprezzato                     d. 1
Una tovaglia di Cambra con rizza jntorno lavorato di seta Carmosi
na aprezzata                                             d. 2
Una tovaglia di Cambra con Rizze bianche aprezzata                     d. 1.4.0
Una tovaglia di tila di Cava lavorata di seta bianca aprezzata                 d. 1.1.0
Una tovaglia di meza olanda con lense di paula, et pizzilli aprezzata             d. 1.1.10
Una tovaglia di meza olanda di palmi Cinque lavorata ad aco                 d. 1.1.10
Una altra tovaglia lavorata ad aco con pizzilli                         d. 1.2.10
Una altra tovaglia Consimile aprezzata                             d. 1.2.10
Una altra tovaglia Consimile aprezzata lavorata ad aco con
pizzilli                                             d. 2.2.0
Una altra tovaglia lavorata di filo bianco con pizzilli aprezzata                 d. 1.4.0
Una altra Consimile tovaglia aprezzata                             d. 1.4.0
Una altra tovaglia lavorata ad aco di filo bianco aprezzata                     d. 1.2.10
Una altra tovaglia lavorata ad aco di filo, et sita bianca aprezzata di pal. 3         d. 1.2.0
Una altra tovaglia di meza olanda lavorata di filo bianco                     d. 2.0.0.
Una tovaglia sempia di tila di olanda di palmi cinque aprezzata                 d. 1.2.0
Una altra tovaglia di tila di olanda sempia aprezzata                     d. 2.0.0
Una tovaglia di tila di Cava lavorata di filo bianco aprezzata                 d. 1.1.0
Una altra tovaglia lavorata di filo bianco                             d. 1.0.0
Una altra tovaglia usata consimile                                 d. 1.0.0
Una tovaglia grande lavorata di seta Carmosina di tila
di meza olanda                                         d. 2.2.0

(f. 84v)
Una altra tovaglia più piccola lavorata di seta Carmosina                     d. 2.0.0
Una altra tovaglia simile aprezzata                                 d. 2.0.0
Una altra thovaglia piccola lavorata di seta Carmosina usata                 d. 1.2.10
Una tovaglia di meza olanda di seta Carmosina                         d. 3.0.0
Una tovaglia piccola di tila di Cava lavorata di seta Carmosina                 d. 2.0.0
Uno Cambra lavorato di oro con piccolo lavore                         d. 1.2.10
Una tovaglia di tila di Cava lavorata di seta Carmosina                     d. 2.0.0
Una tovaglia di olanda lavorata di seta di vari Colori                     d. 3.0.0
Una tovaglia di olanda grande lavorata di seta Carmosina                     d. 3.2.10
Una altra tovaglia di olanda lavorata di seta Carmosina                     d. 3.2.10
Una altra tovaglia di tila di meza olanda lavorata di seta Carm.na
aprezzata                                             d. 2.2.0
Uno mandile turchino                                     d. 0.1.10
Una tovaglia di tila di Cava con rizza gialla                             d. 1.2.10
Una tovaglia grande di olanda lavorata di olanda lavorata di
oro aprezzata                                             d. 8.0.0
Una tovaglia di tela di olanda lavorata di oro attorno con Pizzilli
piccoli attorno di oro aprezzata                                 d. 9.0.0
Una altra tovaglia di olanda lavorata di oro usata per                     d. 7.0.0
Uno maccaturo lavorato con frisi di oro aprezzato                         d. 1.0.0

Testimoni: Paulo Maurello regio giudice a contratto, Marcello di Chiara, Alterio Capisciolto, Oratio Bisulca, Andria di Albo di Paulo, Petro Altomare, Gio : Laurenzo Vaccaro di Petrafitta.
(Archivio di Stato di Catanzaro, Scheda del Notaio G. B. Guidacciaro, busta 80 protocollo 301, ff. 81-85).


You are here La nostra storia Nei “Baulli” di Horatio Sersale